QUOTES

La tua notte mi fa colare dall'occhio e dalla tempia
un fiotto d'inchiostro così denso che nello sprizzo
esce dalle stelle di fiori, come si vede in un tiro
la penna che intingo...

Il mio canto non è truccato. Esito spesso
perché cerco lontano sotto terre profonde
riportando sempre con le stesse sonde
i pezzi di un tesoro sepolto vivo
dagli inizi del mondo...

Jean Genet , Marche Funèbre


It is not right that everyone read the pages that follow: a sole few will savour this bitter fruit without danger. As a result, wavering soul, before penetrating further into such uncharted barrens, draw back, step no deeper. Mark my words: draw back, step no deeper...

Lautreamont, Chant de Maldoror


Study me as much as you like, you will never know me,
for I differ in a hundred ways from what you see me to be.
Put yourself behind my eyes, and see me as I see myself,
for I have chosen to dwell in a place you cannot see.

Diwan-e Shams-e Tabrizi 


do not believe simply because you have heard it
do not believe simply because you have learn it
do not believe simply because you have practiced it from ancient times
do not believe simply because it is rumored
do not believe simply because it is in the scriptures
do not believe simply on logic
do not believe simply through guesswork
do not believe simply through reasoning
do not believe simply because it conforms to your theory
do not believe simply because it seems credible
do not believe simply out of faith in your teacher

Kalama or Kesaputtiya Sutta, A.I. 188 (Buddhist Theravada Scripture) 


L’Italia è un unicum nel bene e nel male. È la mia patria, che ho amato tanto per la sua grande storia e la stupenda geografia, un Paese dove tutti gli uomini posseggono creatività, inventiva e gioia di vivere. Ma questa Italia non la amo più. È divenuta come un albero che ha le radici malate e che non potrà dare mai buoni frutti. La politica è la causa di questa grave malattia che, come un cancro con le sue metastasi, ha invaso e distrutto la mia Italia. A questa triste realtà va aggiunto che l’Italia purtroppo non è uno Stato laico e quindi la situazione peggiora sempre di più. Stiamo vivendo un momento storico in cui il virus del potere ha formato un esercito di uomini che tentano di compiere il genocidio di desideri, utopie, sogni, ma principalmente cerca di trasformare la libertà in una specie di autorità democratica, dove l’obbligo della corruzione parte dalla vanità del pensiero e rapidamente si estende al buon gusto, alle buone maniere e in tutte le sfaccettature della nostra vita quotidiana, invadendo dispoticamente anche l’arte e il sistema dell’arte. La crisi italiana è culturale, intellettuale ed etica.
Sui critici – in particolare mi rivolgo ai critici italiani assetati di potere – e sulle istituzioni del nostro Paese grava la responsabilità di aver contribuito, attraverso un comportamento obsoleto e compromissorio, alla perdita della dignità dell’artista e dell’uomo, dell’arte e della cultura. Si è sviluppata una sorta di fenomeno di gruppi di pressione dove gli interessi trionfano sulle loro aspirazioni e rivendicazioni, dove la trasparenza e la storia, la creatività e i valori sono stati sostituiti dall’egemonia della partitocrazia e dall’adattamento all’immagine massmediologica, dove le strategie politiche e il potere capitalistico italo-americano gestisce l’arte e la vita quotidiana dell’uomo.

Lucrezia De Domizio Durini


Dal profondo della notte che mi avvolge,
buia come il pozzo che va da un polo all'altro,
ringrazio qualunque dio esista
per la mia anima invincibile.

Nella feroce morsa del caso
non ho arretrato né ho gridato d'angoscia.
Sotto la scure della sorte
il mio capo sanguina ma non si piega.

Oltre questo luogo di collera e lacrima
incombe solo l'orrore dell'ombra,
eppure la minaccia di anni
mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto sia stretta la porta,
quanto pieno di castighi il destino.
Io sono il padrone della mia sorte:
io sono il capitano della mia anima.

Out of the night that covers me,
Black as the Pit from pole to pole,
I thank whatever gods may be
For my unconquerable soul.

In the fell clutch of circumstance
I have not winced nor cried aloud.
Under the bludgeonings of chance
My head is bloody, but unbowed.

Beyond this place of wrath and tears
Looms but the Horror of the shade,
And yet the menace of the years
Finds, and shall find, me unafraid.

It matters not how strait the gate,
How charged with punishments the scroll.
I am the master of my fate:
I am the captain of my soul.

"Invictus" by William Ernest Henley 


Los romanticos consideraban todo lo unívoco y definido como algo menos valioso que la posibilidad abierta y no consumida aún, a a la que atribuían las características del desarrollo infinito, del movimiento eterno, de la dinámica de la fecundidad de la vida. Toda forma sólida, todo pensamiento inequívoco, toda palabra pronunciada, les parecían muertas y falaces; por esto se inclinaban, a pesar de su estetismo, a la depreciación de la obra de arte como forma dominada y autosuficiente. Su excentricidad y su arbitrariedad, sus mezclas y combinaciones de las artes, la naturaleza improvisada y fragmentaria de su modo de expresión eran sólo síntomas de este sentido dinámico de la vida al que debían toda su genialidad, su sensibilidad realzada y su clarividencia histórica.

Hauser, Historia social de la literatura y del arte 


Thou shalt fight conformism
Thou shalt be the messenger of freedoms
Thou shalt make use of sex
Thou shalt reinvent life
Thou shalt create artificial art
Thou shalt have a sense of purpose
Thou shalt not know exactly what thou dost, but thou shalt do it
Thou shalt give thy love
Thou shalt grab the soul
Thou shalt give something back 


Ten Commandments for Gilbert & George (1995)


Oh you men who think or say that I am malevolent, stubborn, or misanthropic, how greatly do you wrong me? You do not know the secret cause which makes me seem that way to you. From childhood on, me heart and soul have been full of the tender feeling of goodwill, and I was ever inclined to accomplish great things. But, think that for six years now I have been hopelessly afflicted, made worse by senseless physicians, from year to year deceived with hopes of improvement, finally compelled to face the prospect of a lasting malady (whose cure will take years or, perhaps, be impossible). Though born with a fiery, active temperament, even susceptible to the diversions of society, I was soon compelled to withdraw myself, to live life alone. If at times I tried to forget all this, oh how harshly I was I flung back by the doubly sad experience of my bad hearing. Yet it was impossible for me to say to people, "Speak louder, shout, for I am deaf." Ah, how could I possibly admit an infirmity in the one sense which ought to be more perfect in me than others, a sense which I once possessed in the highest perfection, a perfection such as few in my profession enjoy or ever have enjoyed.--Oh I cannot do it; therefore forgive me when you see me draw back when I would have gladly mingled with you.
My misfortune is doubly painful to me because I am bound to be misunderstood; for me there can be no relaxation with my fellow men, no refined conversations, no mutual exchange of ideas. I must live almost alone, like one who has been banished; I can mix with society only as much as true necessity demands. If I approach near to people a hot terror seizes upon me, and I fear being exposed to the danger that my condition might be noticed. Thus it has been during the last six months which I have spent in the country. By ordering me to spare my hearing as much as possible, my intelligent doctor almost fell in with my own present frame of mind, though sometimes I ran counter to it by yielding to my desire for companionship. But what a humiliation for me when someone standing next to me heard a flute in the distance and I heard nothing, or someone standing next to me heard a flute in the distance and I heard nothing, or someone heard a shepherd singing and again I heard nothing. Such incidents drove me almost to despair; a little more of that and I would have ended me life -- it was only my art that held me back. Ah, it seemed to me impossible to leave the world until I had brought forth all that I felt was within me. So I endured this wretched existence -- truly wretched for so susceptible a body, which can be thrown by a sudden change from the best condition to the very worst. -- Patience, they say, is what I must now choose for my guide, and I have done so -- I hope my determination will remain firm to endure until it pleases the inexorable Parcae to break the thread. Perhaps I shall get better, perhaps not; I am ready. -- Forced to become a philosopher already in my twenty-eighth year, oh it is not easy, and for the artist much more difficult than for anyone else. 'Divine one, thou seest me inmost soul thou knowest that therein dwells the love of mankind and the desire to do good'. Oh fellow men, when at some point you read this, consider then that you have done me an injustice; someone who has had misfortune man console himself to find a similar case to his, who despite all the limitations of Nature nevertheless did everything within his powers to become accepted among worthy artists and men. 'You, my brothers Carl and [Johann], as soon as I am dead, if Dr. Schmidt is still alive, ask him in my name to describe my malady, and attach this written documentation to his account of my illness so that so far as it possible at least the world may become reconciled to me after my death".
At the same time, I declare you two to be the heirs to my small fortune (if so it can be called); divide it fairly; bear with and help each other. What injury you have done me you know was long ago forgiven. To you, brother Carl, I give special thanks for the attachment you have shown me of late. It is my wish that you may have a better and freer life than I have had. Recommend virtue to your children; it alone, not money, can make them happy. I speak from experience; this was what upheld me in time of misery. Thanks to it and to my art, I did not end my life by suicide -- Farewell and love each other -- I thank all my friends, particularly Prince Lichnowsky's and Professor Schmidt -- I would like the instruments from Prince L. to be preserved by one of you, but not to be the cause of strife between you, and as soon as they can serve you a better purpose, then sell them. How happy I shall be if can still be helpful to you in my grave -- so be it. -- With joy I hasten to meed death. -- If it comes before I have had the chance to develop all my artistic capacities, it will still be coming too soon despite my harsh fate, and I should probably wish it later -- yet even so I should be happy, for would it not free me from a state of endless suffering? -- Come when thou wilt, I shall meed thee bravely. -- Farewell and do not wholly forget me when I am dead; I deserve this from you, for during my lifetime I was thinking of you often and of ways to make you happy -- please be so --

Ludwig van Beethoven, Heiligenstadt, October 6th, 1802


Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel che “viviere vuol dire essere partigiani” . Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Ci vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti . L’indifferenza è il peso morto della storia. E’ la palla di piombo per il novatore, è la materia inerte in cui affogano spesso gli entusiasmi più splendenti, è la palude che recinge la vecchia città e la difende meglio delle mura più salde, meglio dei petti dei suoi guerrieri, perché inghiottisce nei suoi gorghi limosi gli assalitori, e li decima e li scora e qualche volta li fa desistere dall’impresa eroica. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. E’ la fatalità; è ciò su cui non si può contare, è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che si ribella all’intelligenza e la strozza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, il possibile bene che un atto eroico (di valore universale) può generare , non è tanto dovuto all’iniziativa dei pochi che operano, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti. Ciò che avviene, non avviene tanto perché alcuni vogliono che avvenga, quanto perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia fare, lascia aggruppare i nodi che poi solo la spada potrà tagliare, lascia promulgare le leggi che poi solo la rivolta farà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. La fatalità che sembra dominare la storia non è altro appunto che apparenza illusoria di questa indifferenza, di questo assenteismo. Dei fatti maturano nell’ombra, poche mani, non sorvegliate da nessun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non sene preoccupa. I destini di un’epoca sono manipolati a seconda delle visioni ristrette degli sopi immediati, della ambizioni e passioni personali di piccoli gruppi attivi, e la massa degli uomini ignora perché non sene preoccupa.Ma i fatti che hanno maturato vengono a sfociare; ma la tela tessuta nell’ombra arriva a compimenti: e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto, del quale rimangono vittima tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, che era stato attivo e chi indifferente. E questo ultimo si irrita, vorrebbe sottrarsi alle conseguenze, vorrebbe apparisse chiaro che egli non ha voluto, che egli non è responsabile. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi anch’io fatto il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, il mio consiglio, sarebbe successo ciò che è successo? Ma nessuno o pochi si fanno colpa della loro indifferenza, del loro scetticismo, di non aver dato il braccio e la loro attività a quei gruppi di cittadini che, appunto per evitare quel tal male, combattevano, di procurare quel tal bene si proponevano. I più i costoro, invece, ad avvenimenti compiuti, preferiscono parlare di fallimenti ideali, di programmi definitivamente crollati e di altre simili piacevolezze. Ricominciano così la loro assenza da ogni responsabilità. E non già che non vedano chiaro nelle cose, e che qualche volta non siano capaci di prospettare bellissime soluzioni dei problemi più urgenti, o di quelli che, pur richiedendo ampia preparazione e tempo, sono tuttavia altrettanto urgenti. Ma queste soluzioni rimangono bellissimamente infeconde, ma questo contributo alla vita collettiva non è animato da alcuna luce morale; è prodotto di curiosità intellettuale, non di pungente senso di una responsabilità storica che vuole tutti attivi nella vita, che non ammette agnosticismi e indifferenze di alcun genere. Odio gli indifferenti anche per ciò che mi dà noia il loro piagnisteo di eterni innocenti. Domando conto ad ognuno di essi del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze virili della mia parte già pulsare l’attività della città futura che a mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano nel sacrifizio; e colui che sta alla finestra, in agguato, voglia usufruire del poco bene che l’attività di pochi procura e sfoghi la sua delusione vituperando il sacrificato, lo svenato perché non è riuscito nel suo intento. Vivo sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.

Antonio Gramsci


By now, I know, from a single fact that is incapable in itself of leading to a moral, that if you are coherent, you have to quarry an aesthetic... (Jean Genet)

Grazie alla resistenza contro la quale dovetti lottare, grazie a ciò che dovetti mettere in opera per abolire quello che chiamano rimorso, il furto da me commesso diventò ai miei occhi un atto durissimo, purissimo, luminoso quasi, e che soltanto dal diamante può essere raffigurato. Compiendolo avevo distrutto una volta di più - e, andavo dicendomi, una volta per tutte - i cari vincoli della fraternità.

“Dopo questo fatto, dopo un simile delitto, quale altra perfezione morale potrei mai sperare?”. Poiché quel furto era indistruttibile, decisi di farne l’origine d’una perfezione morale. “E’ vile, flaccido, lercio, basso… (lo definirò soltanto con parole esprimenti vergogna),nessuno degli elementi che lo compongono mi lascia una sola possibilità di magnificarlo.Tuttavia non rinnego affatto questo ch’è il più mostruoso dei miei figli.

Voglio coprire il mondo della sua abominevole progenie”.

[...]

Decisi di vivere a capo chino, e di seguir la mia sorte nel senso della notte, all’inverso di voi, e di sfruttare il rovescio della vostra bellezza. “Senza dubbio son questo,” mi dicevo “ma almeno ho coscienza d’esserlo, e tanta coscienza distrugge la vergogna e mi consente un sentimento ch’è poco conosciuto: l’orgoglio. Voi che mi disprezzate, d’altro non siete fatti che d’un susseguirsi d’eguali miserie, senonché voi non ne avrete mai la coscienza, e con essa l’orgoglio, vale a dire la coscienza d’una forza che vi permetta di tener testa alla miseria – non alla vostra propria miseria, ma a quella di cui è composta l’umanità”.

[...]

Creare non è uno dei soliti giochetti un poco frivoli. Il creatore s’è impegnato in un’avventura terrificante che consiste nell’assumersi egli stesso sino in fondo i pericoli corsi dalle sue creature.

Una creazione che non abbia all’origine l’amore è inconcepibile. Questo libro non vuol essere, proseguendo nel cielo il proprio solitario cammino, un’opera d’arte, oggetto staccato da un autore e dal mondo.

La mia vita trascorsa potevo dirla in altro tono, con altre parole. L’ho eroicizzata perché avevo in me quanto occorre per farlo, il lirismo. Per amor di coerenza mi sento in dovere di continuare la mia avventura a partire dal tono del mio libro. Esso sarà servito a precisare le indicazioni che mi presenta il passato; sulla povertà e sul delitto punito ho messo il dito nel modo più pesante, e a più riprese.

Andrò verso di loro. Non con la ragionata premeditazione di trovarli, propria dei santi della chiesa, ma lentamente, senza cercar di eludere le fatiche, gli orrori del cammino intrapreso.

Ma lo si capirà? Non si tratta di applicare una filosofia della sventura, tutt’altro.

Il bagno penale – nominiamo questo luogo del mondo e dello spirito – cui mi dirigo, m’offre più gioie dei vostri onori e delle vostre feste.Tuttavia, proprio di codeste cose andrò in cerca. Aspiro al vostro riconoscimento, alla vostra consacrazione. Eroicizzato, il mio libro, divenuto la mia Genesi, contiene – deve contenere – i comandamenti che non potrò trasgredire: se ne sarò degno, mi riserverà la gloria infame di cui esso è il gran maestro, giacché, se non a lui, a chi riferirmi? E dal solo punto di vista d’una morale più ovvia non sarebbe forse logico che questo libro trascinasse il mio corpo e m’attirasse in carcere - non, preciso ancora, secondo una rapida procedura comandata dai vostri costumi, - ma per una fatalità ch’esso contiene, che vi ho messa io, e che, come ho voluto io, mi conserva quale testimone, campo d’esperienza, prova del nove della sua virtù e della mia responsabilità?

L’inseguimento dell’impossibile nullità 
dal "Diario del ladro" di Jean Genet